Schermata-2016-01-01-alle-03.06.jpg

NICOLA BENETTI batteria

Istruzione e formazione                                                                                                                                                                                                  

Inizia lo studio della batteria nel 2003 seguendo lezioni individuali con il maestro Gabriele Palazzi presso la scuola Mikrokosmos di Ravenna;

dopo essersi diplomato all’ITIS come perito informatico e trasferitosi a Bologna nel 2005 si iscrive al triennio base presso la sede bolognese di Music Academy 2000, proseguendo il suo percorso formativo di batteria con i maestri Filippo Mignatti, Massimiliano Govoni, Alessandro Lugli.

Terminato il triennio base, si iscrive e porta a termine il corso di “Batteria Pro”, sempre alla Music Academy, con gli insegnanti Massimiliano Govoni e Bruno Farinelli.

Durante il corso partecipa a svariate clinics tenute all’interno della struttura da differenti artisti ospiti tra i quali:

Mike Queen, Nick di Virgilio, Mylious Johnson e Dom Famularo.

Durante la sua formazione musicale, si concretizzavano in maniera sempre più definita gli stili ai quali avrebbe fatto riferimento per i suoi progetti futuri; linguaggi come il math‐rock e il jazz vengono rielaborati e proiettati verso le nuove tendenze alla ricerca di un “drummnig” personale in concomitanza del suo percorso di studi presso il conservatorio “F. Venezze” con docente di batteria Stefano Paolini.

Attualmente è insegna batteria presso diverse scuole del territorio bolognese, tra le quali scuole Music Academy 2000 della quale è docente del corso di Batteria Negli utlimi tempi, la sua ricerca sonora e sperimentazione lo porta ad avvicinarsi sia come ascolti musicali sia come performances alla musica indiana e Mediorientale, in particolare alle Tabla e alla Dharabuka

.

Progetti Musicali e Discografia parziale 

                                                                              .        

The Blank Canvas – Progetto post‐metal nato nel 2017 da membri di Incoming Cerebral Overdrive e Karl Marx Was a Broker.

L’idea è quella di creare un suono particolare basato su chitarre pesanti, bassi potenti e rifiniture elettroniche che sfociasse in un amalgama di sonorità riconducibile solo alla band.

Nel 2018 esce il primo album intitolato Vantablack (Drown Within Records).

Dopo un cambio di line‐up, il gruppo si concentra nella composizione di nuovo materiale per la maggior parte scritto durante la pandemia.

Prodotto da Riccardo “Paso” Pasini, il nuovo album Dark Mirage esce il 18 Febbraio 2022 per Drown Within Records, Vollmer Industries e Zero Produzioni.

Dark Mirage (Febbraio 2022) Eileen Sol - Progetto Fiorentino strumentale di stampo Post‐Rock formato assieme a Pietro Guarracino (Neri Marcorè, Brunori, Claudio Bisio), Michele Marchiani e Matteo Cavaciocchi.  

A maggio 2021 esce Ravel Tapes, per Luminol Records.

Un EP che racchiude alcune delle più famose composizioni del maestro Maurice Ravel, rivisitate e reinventate in chiave moderna con linguaggio post‐ rock Iconoclasta (Maggio 2019) Ravel Tapes (Maggio 2021) Bedlam Organ Trio – Progetto formato dal chitarista Alessandro De Lorenzi e dall’organista Luca Boero nel quale si aggiunge Nicola qualche anno dopo.

L’idea artistica di questo trio si discosta dal solito repertorio “Soul‐Jazz” tipico di queste formazioni, proponendo con arrangiamenti o scelte di repertorio una ricerca musicale più moderna, contaminata da funk, hip hop e musica elettronica.

L’album di esordio “Way In” uscito nel 2020, alterna brani di Mal Waldron  (rivisitati in chiave moderna) a composizioni originali Way In (Marzo 2020) Supertrutux  ‐  Trio post‐punk/alternative‐rock Toscano nel quale sostituisce in maniera definitiva il precedente batterista. Dal secondo tassello della “Trilogia dell’Halibut”, inaugurata nel 2013 con “Halibut Sociale” (Drino Productions / CSSP), il progetto si evolve in un mix di musiche ipnotico‐violente e voce narrante, che percorre le tappe di un viaggio interiore del protagonista.

“Soundtrack For Caligari” assieme a Nicola Manzan (Bologna Violenta, Baustelle, Teatro degli Orrori) ha dato il via ad un percorso di sonorizzazione che si è concretizzato nell’ultimo split assieme a I Matti delle Giuncaie che omaggia il capolavoro di Bruno Bozzetto, “West and Soda”. Halibut Individuale (Marzo 2015) Soundtrack For Caligari (Agosto 2017) Halibut Abientale (Novembre 2017) Soundtrack for West and Soda (Febbrraio 2021) Miotic ‐ Trio bolognese formato nel 2010 assieme al chitarrista Davide Badini, e al bassista Andrea Burgio (Nero di Marte, Void of Sleep) i quali, nonostante le eterogenee influenze musicali trovano un punto d'incontro nella passione per il genere sperimentale strutturando e consolidando un progetto Math/Rock capace di affermarsi sul territorio bolognese e non solo.

Miotic (Ottobre. 2010) Ctrl+A (Novembre 2018) Antinomìa (Dicembre. 2013).

Altre collaborazioni

 

(sia discografiche che come session musician) Pippi Dimonte, Matteo Fiorino, Shiva Bakta, Rosaspina, Antarte, Van Dyne, Youvoid.  

Eventi e Riconoscimenti Festival Nazionale dei conservatori italiani 2015 – 3° Classificati con Pippi Dimonte 5tet Fara Jazz Festival 2015 Sibiu Jazz Festival 2016 (Romania) ‐ Premio “Miglior Compsizione” al Festival di Sibiu Cluj‐Napoca “jazz in the park” Festival 2016 (Romania).